banner
Centro notizie
Prestazioni costanti, consegna rapida e rapporti onesti con i clienti

I democratici stanno sovraperformando nelle elezioni speciali del 2023. È un indizio per Biden contro Trump?

Jul 31, 2023

Guardando al 2024, i democratici ammettono qualche motivo di preoccupazione, tra cui l’anemico indice di gradimento del presidente Joe Biden e i primi sondaggi che prevedono una ripetizione della corsa contro l’ex presidente Donald Trump in cui Biden pareggia o segue, in parte a causa di una notevole fetta di elettori indecisi. e apprensione per l'età e l'acutezza di Biden, che ha ripetutamente respinto.

Ma i democratici affermano anche che, considerando il 2023 finora, vedono molte ragioni per essere ottimisti riguardo alle loro possibilità con gli elettori.

Un’analisi di FiveThirtyEight ha rilevato che in 38 elezioni speciali tenutesi finora quest’anno, i democratici hanno sovraperformato la tendenza partigiana – o la relativa storia liberale o conservatrice – delle aree in cui si sono svolte le elezioni di una media del 10%, entrambe scatenandosi. in parti del paese che tipicamente sostengono il partito, riducendo i margini del GOP anche nelle città e contee rosse.

Ad esempio, il mese scorso il candidato democratico alle elezioni speciali dell’Assemblea statale del Wisconsin ha perso per soli 7 punti in un’area in cui i repubblicani hanno un vantaggio di 22 punti e dove Trump ha battuto Biden di quasi 17 punti nel 2020.

In un'elezione speciale del New Hampshire a maggio per un seggio alla Camera dello Stato, il democratico ha vinto con 43 punti, ben oltre il vantaggio stimato di 23 punti del partito nel distretto.

I dati di FiveThirtyEight non includono le elezioni fuori anno regolarmente programmate, inclusa la corsa alla Corte Suprema del Wisconsin all’inizio di quest’anno in cui il candidato liberale, ora giudice Janet Protasiewicz, ha vinto per 11 punti – in uno stato famoso per il suo sottilissimo margini elettorali.

"Penso che quando si guarda a cose come questa, un'elezione speciale non significa molto di per sé. Ma quando si inizia a vedere una reale coerenza, può certamente diventare predittiva del prossimo ciclo elettorale", ha affermato Ben Nuckels, uno stratega democratico del Wisconsin che ha consultato la campagna di Protasiewicz.

Per fare un confronto, secondo FiveThirtyEight, i democratici hanno sovraperformato la tendenza partigiana ponderata di circa il 4% nelle elezioni speciali tenutesi tra le elezioni di medio termine del 2018 e le elezioni del 2020, quando Biden ha vinto la Casa Bianca del 4,5%, ma i democratici hanno sottoperformato nelle gare alla Camera.

Le conversazioni con otto operatori democratici e repubblicani negli stati indecisi mostrano alcune ripetute spiegazioni per questo successo: il sostegno generale del pubblico all’accesso all’aborto dopo che la Corte Suprema ha revocato la garanzia nazionale per la procedura lo scorso anno insieme all’angoscia e alla rabbia per il tentativo di ritorno di Trump, visto come rimane divisivo: due fattori che potrebbero persino compensare eccessivamente il calo degli indici di approvazione di Biden.

"I repubblicani non passano una bella serata elettorale da prima che la Corte Suprema annulli Roe v. Wade. E, onestamente, sembra che i repubblicani post-Roe non riescano a ritrovare il ritmo anche se un DJ suonasse a ripetizione la loro canzone preferita," Nuckels disse. "Quindi penso che i democratici siano in un'ottima posizione per il futuro."

Le elezioni straordinarie e fuori anno non sono predittori perfetti dei principali cicli elettorali. L’attuale governatore della Virginia Glenn Youngkin, repubblicano, ha ottenuto una vittoria a sorpresa nel 2021, prima della prestazione sorprendentemente forte dei democratici nelle elezioni di medio termine del 2022.

Tuttavia, elezioni simili tenutesi nel 2017 e nel 2019 hanno preceduto i successi democratici nel 2018 e nel 2020.

"Penso che quello che stiamo vedendo è che la decisione di Dobbs [sull'aborto] ha radicalmente riprogrammato la nostra politica, e quasi ogni altra misura oltre ai voti effettivi espressi deve ancora capire come inserirla. E quindi, sia che tu sia parlando dei tradizionali indici di approvazione, sia che si parli di sondaggi, il terreno è cambiato," ha detto lo stratega democratico del Wisconsin Joe Zepecki.

"Quasi tutte queste elezioni continuano a finire in modo diverso da quello che ci si aspetterebbe, nella stessa direzione. E quindi, questo, a mio avviso, suggerisce che ci sia una certa viscosità in questo", ha aggiunto. "E l'unica cosa che potrebbe cambiare è la chiarezza su questo tema, qualcosa come una codificazione federale del [diritto all'aborto]. E tu ed io sappiamo entrambi che non lo vedremo da qui al prossimo novembre."